Attrezzatura per piastrellista C'è 1 prodotto.

Mostrando 1 - 1 di 1 articolo
Mostrando 1 - 1 di 1 articolo
Attrezzatura per piastrellista

Attrezzatura per piastrellista

 

Il mestiere di piastrellista consiste concretamente nel rivestimento di pavimenti, oppure scale, pareti, utilizzando piastrelle in materiali vari, come ceramica, mosaici, pietre naturali oppure artificiali. Sembra una cosa da poco, in realtà si tratta di un lavoro che richiede una certa precisione. Il piastrell...

Attrezzatura per piastrellista

 

Il mestiere di piastrellista consiste concretamente nel rivestimento di pavimenti, oppure scale, pareti, utilizzando piastrelle in materiali vari, come ceramica, mosaici, pietre naturali oppure artificiali. Sembra una cosa da poco, in realtà si tratta di un lavoro che richiede una certa precisione. Il piastrellista o la piastrellista decidono la disposizione delle piastrelle, creando la base di malta e il mastice. Impiegano piastrelle in ceramica, in pietra naturale come ad esempio granito, marmo, oppure artificiale. Si occupa anche di tagliarle su misura in modo da essere poi posate esattamente negli angoli. In base al materiale con cui realizza le sue opere utilizza varie sostanze per riempire i giunti tra una piastrella e l’altra. I piastrellisti solitamente lavorano da soli, in caso di lavori particolarmente grandi si possono creare dei veri e propri gruppi di lavoro, in cui viene nominato un responsabile.

 

Ovviamente anche i piastrellisti possiedono i propri attrezzi del mestiere che devono essere sempre pronti per il loro utilizzato al momento opportuno. Una delle prime cose che è necessario fare sono proprio gli attrezzi, in particolare controllare che ci sia tutto l’occorrente per iniziare il lavoro soprattutto se si vogliono fare le cose per bene, senza errori.

 

Come appena detto gli strumenti di lavoro sono fondamentali in questo mestiere, quelli principali: il metro e la matita, molto importanti per poter prendere le giuste misure delle piastrelle, sia all’inizio che nella fase precedente al taglio. Il tagliapiastrelle, che può essere di grandezza diversa, i professionisti seri solitamente ne possiedono ben due. Uno utilizzato per le piastrelle che raggiungono un massimo di 30 centimetri, e il secondo specifico per quelle più grandi 60 cm. Quando lavorate potrebbe essere buono portare con se delle rotelline di ricambio, nel caso in cui qualcuna cominci a presentare dei problemi e per questo richiede di essere cambiata. Così da garantire sempre un lavoro ottimale.

 

La smerigliatrice utensile che può molare, tagliare, sbavare o affilare. Usata in questo caso per procedere con il taglio delle piastrelle, soprattutto incastri. Non devono di sicuro mancare le prolunghe e gli adattatori, per potere lavorare in tranquillità. In merito agli adattatori scegliete le triple per collegare più strumenti così da evitare di dover staccare e riallacciare sempre l'attrezzatura come il trapano, smerigliatrice. Poi ci sono tanti altri attrezzi che servono in questo mestiere e che sembrano essere molto scontati, ma che in realtà diventano importanti per fare un lavoro perfetto e professionale. Come i secchi oppure le ginocchiere, la spatola, la cazzuola e tanto tanto altro.

 

 

Attrezzi da lavoro per piastrellista

 

Per chi non ha mai visto un piastrellista all’opera non sa che un altro importante strumento che fa parte dei tanti attrezzi da lavoro per piastrellista, sono le ginocchiere. Il mestiere in questione è anche un lavoro abbastanza scomodo, in quanto si passa tantissimo tempo sulle ginocchia, cosa che a lungo andare potrebbe persino portare conseguenze fisiche importanti. Infatti, le ginocchiere sono un optional perfetto per salvaguardare la salute di chi fa questo mestiere, la funzione è proprio quella di proteggere le articolazioni. In questo modo il lavoro viene reso più comodo e soprattutto meno doloroso oltre che maggiormente sicuro.

 

Gli attrezzi da lavoro per piastrellista sono molti, oltre che metro, matita, taglia piastrelle, smerigliatrice, ginocchiere, ce ne son alcuni che sembrano essere non di fondamentale importanza, invece non è proprio così. Come i secchi, che sono utili per la mescolatura di collanti e stucchi, per rendere il composto uniforme e velocizzare il procedimento, si può anche optare per un trapano miscelatore con frusta. La cazzuola, è un altro utensile fondamentale per piccole rifiniture, rivestimenti e pavimentazioni.

Bolle e la staggia, è un altro degli attrezzi da lavoro per piastrellista, essa consente la complanarità dell'intonaco quando lo si stende sul muro, http://www.faidatehobby.it/staggia-o-stadia-da-muratore.html.

 

Invece con la smerigliatrice, che serve per procedere con il taglio delle piastrelle, sarebbe sempre utile avere a portata di mano dei dischi per smerigliatrice, che solitamente vanno scelti in relazione al materiale che bisogna tagliare. Ad esempio nel caso in cui dovete procedere con piastrelle fatte in gress oppure vetro e marmo, allora il disco migliore è quello diamantato, se invece vi trovate di fronte a metalli allora meglio optare per un disco di ferro.

 

Per procedere poi alla fugatura e alla stesura dello stucco, bisogna procurarsi la vaschetta con rulli, una spugna e la spatolina di gomma. Poi ci sono quegli strumenti che pur se secondari bisogna portare sempre. Infatti i piastrellisti che vogliono fare un lavoro perfetto sotto tutti i punti di vista. Non solo per dimostrare la professionalità, ma anche per raggiungere risultati incredibili in brevissimo tempo.

 

Come per esempio, lo scalpello e la mazzetta, che possono servire soprattutto nell’eventualità in cui bisogna procedere con delle modifiche o per eliminare materiale prima della posa. Del semplice spago, che viene in genere usato per creare una linea retta in modo da poterla seguire per le fughe. In aggiunta tra gli attrezzi da lavoro per piastrellista ci sono, la squadra, una tenaglia e tanto altro ancora.

 

Abbigliamento da lavoro per piastrellista

 

Per svolgere il mestiere di piastrellista non servono solo piastrelle e tagliapiastrelle per poter fare buon lavoro. Come tutti i mestieri che fanno parte di questo settore è ovvio che oltre all’attrezzatura giusta anche l’abbigliamento ha la sua importanza. Bisogna infatti essere preparati in modo adeguato, per poter svolgere il proprio lavoro in maniera ottimale, e la comodità in questo caso rappresenta uno dei segreti per la buona riuscitae il raggiungimento di risultati ottimali.

 

Oltre a dei buoni guanti e pantaloni comodi o eventualmente salopette da lavoro, uno degli indumenti in assoluto più importante per chi fa il piastrellista sono le famose ginocchiere.

 

Queste sono delle vere e proprie protezione indossate per lo più su entrambe le gambe, all’altezza delle ginocchia. L’obiettivo è quello di proteggere le articolazioni e non solo da eventuali 'impatti, dovuti a una caduta allo sfregamento oppure all’appoggio prolungato al suolo. Le ginocchiere sono diffuse in tantissimi sport come per esempio la pallavolo, il ciclismo, lo skateboard e tanto altro. Chi indossa questo tipo di protezione sono anche le forze dell’ordine, infatti le ginocchiere vengono date in dotazione ad esempio dai marine. Persino in ambito medico al fine di tenere ferma l’articolazione, oppure chi fa spesso lavori domestici come giardinaggi o in questo specifico caso i piastrellisti, che si trovano a stare per lungo tempo sulle ginocchia.

 

Spesso le ginocchiere rappresentano anche una funzione psicologica, la persona si sente persino più sicura e protetta, quindi probabilmente incentivata a svolgere quella determinata mansione, oppure in ambito medico maggiormente fiducioso in un recupero e più propenso alla riabilitazione.

 

Le ginocchiere presentano un’imbottitura nella parte anteriore, molto morbida per creare un prodotto con ottime proprietà ammortizzanti, create con materiali generalmente resistenti e sintetici. Ad esempio esternamente in gomma antiabrasione, internamente in morbida spugna, oppure con protezione in plastica, o interamente in poliestere. Si possono trovare con imbottitura in gomma piuma, protezione antiscivolo e antigraffio, persino con fasce elasticizzate con velcro. Rinforzata proprio per aumentarne la sua durata. Semplicissime da indossare, solitamente con chiusura a strappo, in modo tale che possano essere regolate a proprio piacimento. Ideali anche per chi fa sport e giardinaggio, per posatori, allestitoti e piastrellisti. Per tutti coloro che svolgono dei lavori i quali richiedono lunghe posizioni disagevoli.

Oggi questo fantastico supporto tecnico si sta sempre di più diffondendo in differenti settori, soprattutto come strumento di prevenzione contro gli infortuni e malattie di tipo professionale.

 

In alcuni casi le ginocchiere vengono direttamente cucite nella parte interna dei pantaloni o tute, come succede ad esempio nel motociclismo, oppure nelle mimetiche militari.

 

 

Dove comprare le giuste attrezzature da piastrellista

 

Il piastrellista è un lavoro che richiede diverse attrezzature, sicuramente non devono mancare tagliapiastrelle, matita, squadra, metro, smerigliatrice, utensile che può molare, tagliare, sbavare o affilare. Usata in questo caso per procedere con il taglio delle piastrelle. Altri strumenti come prolunghe e adattatori. Da non dimenticare sono gli occhiali di protezione, che possono essere utili soprattutto nella fase di taglio, per evitare che qualche scheggia finisca per sbaglio negli occhi, causando danni anche gravi. Ginocchiere per evitare dolori e rendere il lavoro maggiormente agevole. I secchi, la spatola, la cazzuola, il trapano, sono tutti attrezzi che si possono reperire presso un qualsiasi rivenditore autorizzato e specializzato oppure anche in un negozio di ferramenta, quello più vicino.

 

Nel caso in cui preferite gli acquisti online, allora potete benissimo consultare i siti internet migliori, dove sicuramente troverete tutto l’occorrente per equipaggiarvi al meglio e iniziare il vostro lavoro, per risultati ottimali. Internet va bene anche se dovete acquistare dei pezzi di ricambio, occhialini di sicurezza, guanti e tanto altro. Spesso si trovano fantastiche offerte che difficilmente potete avere nei comuni negozi.

 

Dalle generiche tenaglie utili per eliminare i residui di piastrelle o arrotondare le forature; il feltro per togliere parti di stucco che inevitabilmente rimangono; faretti, per fare luce, soprattutto nel caso in cui vi troviate a lavorare in luoghi particolarmente bui o presso cantieri in cui l’impianto d’illuminazione non è ancora attivo. Battipiastrelle, per livellare e battere le piastrelle più piccole. Pistola per silicone, ideale per il riempimento dei giunti. Tutti utensili semplici ed economici che potrete avere comodamente a casa vostra in tempi davvero brevi. State comunque attenti alla qualità di quello che comprate perché questo può incidere non solo sulla durata ma anche sul vostro lavoro.

 

Dove comprare le giuste attrezzature da piastrellista? Sicuramente per questo avete grande scelta, se volete davvero risparmiare qualcosa allora potete optare per l’acquisto in rete. Trovate tantissimi e fornitissimi negozi online che propongono una grande varietà di articoli, di tutti i generi con offerte incredibili. A partire dall’abbigliamento, come ginocchiere e occhialini fino agli strumenti più impensabili, trapani, smerigliatrice, in commercio ce ne sono di 2 tipi, ad acqua oppure a secco, quelle più utilizzate, nonostante presentano prezzi maggiori, ma di sicuro le migliori, dando prestazioni maggiormente elevate.

 

Attrezzatura economica per piastrellista.

 

Il piastrellista è un mestiere che richiede molta attenzione, precisione e manualità, ma non bisogna mai dimenticare che anche gli attrezzi che vengono usati hanno la loro importanza. Per un lavoro professionale e risultati visibilmente migliori, oltre che agevolare chi ne fa uso.

Prima cosa, è necessario equipaggiarsi per bene e acquistare tutto l’occorrente, cercando non solo il risparmio ma anche la qualità degli utensili adatti. Perché possedere strumenti resistenti e fatti con materiali migliori, perfetti sotto tutti i punti di vista, significa raggiungere standard ottimali in minor tempo senza rischi.

 

Molti degli utensili utilizzati in questo mestiere sono facilmente reperibili e abbastanza economici, come la cazzuola, oppure i semplici secchi per la miscelazione, il metro, la squadra, prolunghe e adattatori, gli occhiali di protezione, anche le ginocchiere sono gadget che si trovano online a prezzi incredibilmente bassi.

 

Le vaschetta con rulli, le spugne, spatoline in gomma. Poi ci sono quegli strumenti che pur se secondari bisogna sempre avere a portata di mano e anch’esse poco costose. Lo scalpello e la mazzetta, per le modifiche o eliminare materiale prima di procedere alla posa. Lo spago, per le fughe, le tenaglia, sono tutti utensili che non hanno costi elevati e semplicissimi da reperire.

 

La spesa più consistenti da affrontare per coloro che svolgono questo mestiere riguarda invece il tagliapiastrelle. Come precedentemente accennato, è uno strumento che non può di certo mancare. Possiede in genere una struttura In alluminio e acciaio nichelato, esiste sia con un funzionamento a secco che ad acqua. Oppure con una sola rotella e con manico di legno. Quelle con raffreddamento ad acqua sono composte anche da supporto vasca con gambe. Generalmente i prezzi si aggirano intorno ai 200,00 fino ai 400.00 euro, tutto dipende dal modello e tipo di tagliapiastrelle che preferite.

Più